L’Italia e i Balcani Occidentali

L'azione della Sede Aics di Tirana si ispira a tre criteri essenziali: Caratterizzazione, Riconoscibilità e Impatto. Caratterizzare gli interventi, coordinandoli nel tempo in specifiche aree tematiche e geografiche, dà riconoscibilità all'impegno di cooperazione e accresce l'impatto delle attività finanziate dall'Italia.

L’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo ha progetti in corso nei Balcani Occidentali per un totale di oltre 300 milioni di euro. In linea con la Strategia Europea per i Balcani Occidentali e con la National Strategy for Development and Integration 2015-2020 del Governo albanese, la Sede Aics di Tirana è impegnata in tre aree principali, nelle quali l'Italia ha un valore aggiunto riconosciuto: 1) Stato di diritto e Buon Governo, 2) Ambiente e Natura, 3) Competitività e Innovazione. 

Le iniziative in corso e in fase di programmazione sostengono gli scambi fra Sistemi Paese al più alto livello. Per lo Stato di Diritto e il Buon Governo, cito solo in via esemplificativa la prima attività di cooperazione eseguita dal Consiglio Superiore della Magistratura italiano in Albania, Sostegno alla Scuola di Magistratura albanese nell'ambito della riforma costituzionale, per un valore di 300.000 euro. Il progetto consente all'Italia di svolgere un ruolo di primo piano sulla riforma del Sistema di Giustizia in Albania: una questione fondamentale per l'ingresso del Paese in Europa.

Nel comparto Ambiente e Natura siamo attivi con iniziative che raccolgono il testimone di progetti di successo. Il coinvolgimento di eccellenze del Sistema Italia è costante, dalle gestione delle aree protette alla loro valorizzazione per lo sviluppo delle comunità locali. Cito ad esempio la nostra Regione Trentino.

In ambito Competitività e Innovazione, la principale azione di sistema ci vede partner primario del Governo albanese nello sviluppo dell'Economia del Mare (Blue Economy). In questo ambito, sono attivi enti italiani di prestigio quali il CNR, il nostro Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, enti della Regione Puglia, ma non solo.

Infine, una nota a sé merita l'impegno a favore della salvaguardia e valorizzazione del patrimonio culturale, nell'ottica più ampia della valorizzazione dei territori e del rafforzamento dell'offerta turistica locale. Sono stati coinvolti e sono attivi importanti enti italiani, in particolar modo legati al polo culturale che fa capo alla Regione Emilia-Romagna.

La Sede Aics di Tirana adempie così al mandato Aics di coinvolgere le migliori forze del Sistema Italiano, creando valore aggiunto e facilitando le relazioni bilaterali di medio e lungo termine. Si tratta di un piano complessivo di intervento a 360°, iniziato nel 1991 con la soluzione della prima crisi umanitaria in Albania. La vicinanza fra Italia e Balcani Occidentali non è solo geografica. E' umana, culturale e istituzionale.

Nino Merola